NELLA STESSA NEWSLETTER

Olen Steinhauer

La cena delle spie

  • i
  • 17.50 prezzo di copertina
  • 252pagine

La trama

«SCRITTO IN UNA PROSA CHE FA SCINTILLE A OGNI PAGINA – E IN CUI NON UNA SOLA PAROLA È DI TROPPO – QUESTO ROMANZO DIMOSTRA DEFINITIVAMENTE CHE STEINHAUER È IL VERO, UNICO EREDE DI JOHN LE CARRÉ.» Daily Mail


TRADOTTO IN 15 PAESI, DIVENTERÀ UN FILM PER LA REGIA DI NEIL BURGER (‘DIVERGENT’ E ‘THE ILLUSIONIST’)


DOPO AVER LETTO QUESTO LIBRO, NON ACCETTERAI MAI PIÙ UN INVITO A CENA DA UNA DONNA


«Mentiamo, Henry. È questo che facciamo.» Celia Harrison sa, o crede di sapere, cosa l’aspetta la sera in cui, nell’idillica Carmel-by-the-Sea, di fronte alle onde del Pacifico, arriva con un volo dall’Europa l’agente Henry Pelham – che con la sua stanchezza, le spalle curve, e quell’incontrollabile voglia di un Martini, sembra arrivato apposta per riportarla indietro nel tempo, a un passato che Celia sembra aver deciso di gettarsi alle spalle. Un passato in cui anche lei, come Henry, era un’agente della CIA. E in cui un terribile atto terroristico all’aeroporto di Vienna, che la CIA non seppe né arginare né sventare, mise fine alle loro carriere. Al loro amore turbolento. Alla fiducia che nutrivano l’uno per l’altra. Un solo appuntamento a cena: il primo dopo molti anni, e quasi sicuramente l’ultimo. Anche Henry sa, o crede di sapere, cosa lo aspetta. Per lui questa è la cena della resa dei conti. La cena in cui riuscirà a sapere – con ogni mezzo, lecito e illecito – cosa successe davvero nel 2006 a Vienna, e in cui saprà anche perché, subito dopo, Celia lo lasciò per sempre, sgretolandogli il cuore. Ma Celia ha altri programmi per la serata – e per Henry. Perché nulla è come sembra durante questa lunga, burrascosa, sorprendente cena di ex amanti, ex colleghi, ex spie. Nulla se non una cosa: ogni parola detta è una bugia. 

L'autore

OLEN STEINHAUER, è nato nel 1970 in Virginia e vive a New York. È uno dei giovani autori americani di thriller più promettenti del momento. Considerato l’erede di le Carré, ha vinto con The Nearest Exit il Dashiell Hammett Award e, due volte, l’Edgar Award. La cena delle spie, il suo primo romanzo che non appartiene a una serie, è stato un bestseller del New York Times come i precedenti, è tradotto in 15 paesi, e sarà presto un film per la regia di Neil Burger, regista di ‘Divergent’ e ‘The Illusionist’. Al momento sta scrivendo ‘Berlin Station’, una produzione originale per Epix (Paramount), uno dei canali streaming emergenti in USA.

www.olensteinhauer.com

all Newsletter di Novità Piemme Settembre 2016 all Tutte le newsletters