Matthew Cronin

Borg McEnroe

  • i
  • 18,50 prezzo di copertina
  • 348pagine

La trama


IL LIBRO HA UNA PREFAZIONE DI ADRIANO PANATTA CHE RACCONTA LA SUA ESPERIENZA CON I DUE CAMPIONI SIMBOLO DI UN’EPOCA


Uno è l’idolo delle ragazzine, con la sua chioma bionda fluente e il corpo scolpito. Sul campo è impassibile, concentrato, pronto a cogliere il minimo errore dell’avversario. Elegante e composto, è un fondocampista e rappresenta il meglio della tradizione tennistica. L’altro è bruno, dal ghigno feroce, e capriccioso come i suoi ricci fanno pensare. Ama il rock, frequenta lo Studio 54, conosce Warhol e Mick Jagger. È bizzoso sul campo e il suo gioco è imprevedibile, è un fantasista nato. Se, come ha detto qualcuno, il primo, Björn Borg, è il Concilio Vaticano II, allora l’altro, John McEnroe, è la Rivoluzione francese. Non possono essere più distanti, eppure hanno molto in comune: sono grandissimi campioni e sono entrambi eretici, fuori dall’establishment, per personalità e innovazione. Sono due magnifici nemici, e come spesso accade tra nemici, sono complementari e quindi necessari l’uno all’altro. Il 1980 è l’anno in cui la loro rivalità raggiunge l’apice regalando agli appassionati due match epocali, la finale di Wimbledon e quella degli US Open. Quando il 5 luglio si affrontano per giocare la prima attesissima partita, il pubblico sugli spalti e milioni di persone nel mondo stanno col fiato sospeso, come se sapessero che quell’incontro sta per segnare la storia dello sport, al pari di certi leggendari incontri di boxe, come Ali contro Frazier.  Sulla linea di fondo, Borg, concentratissimo, non stacca gli occhi dall’avversario. McEnroe tende il busto verso l’alto e si appresta a servire. La tensione corre. La battaglia dei giganti sta per cominciare.

L'autore

MATTHEW CRONIN Giornalista sportivo di origini italiane, il cognome della famiglia materna è Rezzonico, è uno dei più autorevoli esperti statunitensi di tennis. Collabora con i più importanti siti specializzati, compreso quello della USTA, la federazione tennistica americana. Come cronista, interviene sui principali canali televisivi e radiofonici negli Stati Uniti e in Europa. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra cui quello di Sports Illustrated.

all Newsletter di Novità PIEMME ottobre 2017 all Tutte le newsletters