NELLA STESSA NEWSLETTER

Jackie Copleton

Quel giorno a Nagasaki

  • i
  • 18,50 prezzo di copertina
  • 312pagine

La trama

UN INSOLITO ROMANZO CHE CUSTODISCE UNA SORTA DI ‘DIZIONARIO DELLE EMOZIONI’ PER COMPRENDERE PIÙ A FONDO ALCUNI ASPETTI DELLA CULTURA NIPPONICA


«UNA STORIA DI PERDITA, SPERANZA E PERDONO, SCRITTA CON STRAORDINARIA MAESTRIA.» BBC Radio 2 Book Club


Amaterasu Takahashi non abita più a Nagasaki. Il Giappone dei suoi trent’anni non esiste più da tempo, spazzato via dalla guerra e dalle beffe della Storia. Ma non è solo un intero mondo a essere svanito, adesso che Ama conduce la sua vita silenziosa in America, lontana da tutto ciò che le ricorda il suo passato. È anche sua figlia Yuko, persa quel nove agosto del 1945, con il suo bambino, il nipote di Ama, Hideo. Il passato, però, torna prepotentemente nella vita della donna quando, un giorno, uno sconosciuto giapponese bussa alla sua porta. È una vittima di pikadon, un uomo che porta su di sé le cicatrici della bomba. E che dice di chiamarsi Hideo. La vita intera di Ama le scorre improvvisamente davanti, tumultuosa come il viso sfigurato dell’uomo che dice di essere suo nipote. La sua vita e quel nodo che l’ha tenuta prigioniera tutto questo tempo, la domanda cui non ha mai avuto il coraggio di rispondere: e se non avessi amato mia figlia abbastanza? Perché non è stata solo la bomba a uccidere Yuko: è stata lei, per amore, ad andare incontro alla morte. Una passione segreta, che divenne anche la sua condanna. 

L'autore

JACKIE COPLETON, giornalista inglese, ha scritto questo primo romanzo dopo un lungo soggiorno a Nagasaki. 
Candidato al prestigioso Baileys Women’s Prize, 
Quel giorno a Nagasaki ha avuto grande successo in Inghilterra, ed è stato tradotto in francese, tedesco e olandese.

all Newsletter di Novità Piemme maggio 2018 all Tutte le newsletters