NELLA STESSA NEWSLETTER

Noam Chomsky e Laray Polk

2 minuti all'Apocalisse

Guerra nucleare & catastrofe ambientale

  • i
  • 16,50 prezzo di copertina
  • 168pagine

La trama

DOPO L'ANNUNCIO DI TRUMP SULL'ACCORDO PER IL NUCLEARE IRANIANO, UNA RIFLESSIONE SEMPRE ATTUALE CHE NON MANCA DI SOFFERMARSI SUGLI SPIRAGLI DI SPERANZA CHE ANCORA RESTANO


«Distruggere l’ambiente equivale a una condanna a morte per l’umanità. Ma la cosa peggiore è che queste pratiche distruttive vengono portate avanti con leggerezza, nella convinzione che il problema non sussista. Se un Paese con il potere degli Stati Uniti avalla queste strategie politiche, le probabilità di sopravvivenza della specie umana sono ridotte al minimo. Un’argomentazione simile, per certi versi, a quella usata per le armi nucleari. Se un alieno ci stesse guardando da Marte, sarebbe allibito davanti a ciò che sta accadendo sulla Terra.» 

                                         

Noam Chomsky, il più importante intellettuale vivente secondo il New York Times, affronta senza mezzi termini i due pericoli che minacciano l’esistenza dell’umanità: il cambiamento climatico e la guerra nucleare. Due pericoli concretissimi, tanto incombenti quanto trascurati e peggio ancora mistificati, e che si sono fatti ancor più pressanti e solidi dopo le ultime elezioni americane, dal momento che la nuova presidenza Trump nega addirittura le incontrovertibili risultanze del cambiamento ambientale. Interventi devastanti come il fracking o la trivellazione dei fondali marini, il disboscamento selvaggio, la conversione di terreni agricoli alla produzione di biocarburanti, stanno accelerando enormemente la folle corsa verso il baratro. A essi si aggiunge l’escalation nucleare, con la differenza, sostiene Chomsky, che mentre una guerra nucleare richiede azione, per la catastrofe ambientale è sufficiente una volenterosa inazione, una silenziosa indifferenza ai molteplici segnali di allarme che la Terra ci manda.

L'autore

Noam Chomsky è linguista, filosofo e teorico della comunicazione. Docente al mit di Boston, ha sempre affiancato gli studi linguistici a un forte impegno sociale. Ha pubblicato moltissime e fondamentali opere in entrambi gli ambiti. Tra i suoi scritti di denuncia e di analisi dei meccanismi del potere, ricordiamo La fabbrica del consenso, I padroni dell’umanità, La democrazia del Grande Fratello, Chi sono i padroni del mondo e Così va il mondo

all Newsletter di Novità Piemme maggio 2018 all Tutte le newsletters