NELLA STESSA NEWSLETTER

Ariel Lawhon

Il mio nome era Anastasia

Il romanzo dei Romanov

  • i
  • 19,50 prezzo di copertina
  • 448pagine

La trama

«ARIEL LAWHON CI RACCONTA IN MODO INCREDIBILMENTE VIVIDO COME ANASTASIA SIA DIVENTATA ANNA, O FORSE ANNA SIA DIVENTATA ANASTASIA, TENENDOCI INCOLLATI FINO ALL’ULTIMA PAGINA.»

USA Today


«Molti hanno raccontato la mia storia. Adesso è il mio turno.»


Era il 16 luglio del 1918 quando i tumulti che scuotono la Russia dopo la Rivoluzione d’Ottobre prendono forma in uno degli atti più violenti che la storia dell’impero ricordi: l’esecuzione a sangue freddo dell’intera famiglia dello zar Nicola II Romanov. Sua moglie e i suoi figli furono tutti freddati a colpi di fucile nei sotterranei della casa di Ekaterinburg dove erano agli arresti domiciliari. Nessuno sopravvisse, o almeno così si pensò. È il 17 febbraio del 1920 quando una giovane donna viene ritrovata a Berlino, in un canale, vicina alla morte per assideramento. In ospedale, ormai salva, i medici scoprono che il suo corpo è ricoperto di orrende cicatrici. E quando finalmente la donna apre bocca, sarà per dire il proprio nome: Anastasia. In molti non le credono: per loro è solo Anna Anderson, 
una polacca emigrata in Germania, a cui interessa soltanto la fortuna della famiglia zarista. Ma in Europa comincia a diffondersi, tra reali in esilio e circoli dell’alta società, la voce che la giovane Anastasia sia sopravvissuta. Che la figlia più piccola dello zar Nicola II e della zarina Alessandra, la spericolata bambina che tutti amavano, sia ancora viva.

L'autore

ARIEL LAWHON è un’acclamata autrice americana di narrativa storica e co-fondatrice di SheReads.org, uno dei più seguiti book club d’America. Vive a Nashville, Tennessee, con il marito e i quattro figli. 


www.ariellawhon.com

all Newsletter di Novità Piemme giugno 2019 all Tutte le newsletters