NELLA STESSA NEWSLETTER

Pino Aprile

Il potere dei vinti

  • i
  • 16,50 prezzo di copertina
  • 208pagine

La trama

DALLA BRETAGNA AL FINIS TERRAE DEL GOLFO DI LEUCA, UN NOSTOS POSTMODERNO IN TERRA SALENTINA: TORNARE A CASA, E RINASCERE, QUANDO OGNI ILLUSIONE È PERDUTA, OGNI SPERANZA DELUSA 


Con il crollo del muro di Berlino, cadono le visioni millenaristiche dell’umanità, che dopo tanti secoli si erano ridotte a due, divise da quel muro. Aloisio Lepirro aveva un amore, un gemello, un’idea per un mondo migliore e un lavoro che dava senso al suo futuro. Quando trova il fratello con la sua donna e lo vede morire, sotto le macerie di un albergo, la sua idea di un mondo migliore crolla insieme a quel muro. Quando anche il suo lavoro si riduce a mero profitto, comprende che è il momento di andare. Per questo decide di sparire, con un nuovo nome, U’ Tis, e con un ritorno, non programmato, alle origini della sua famiglia, dove la terra finisce, nel golfo di Leuca, nel mare che nasce dell’incontro-scontro fra lo Jonio e l’Adriatico. In quel posto dove non accade nulla, inaspettatamente, succederà di tutto: da alcune morti inquietanti a una donna con uno strano potere passando per un amore nuovo e il passato che torna a svelare verità nascoste. Un crescendo di incontri finché U’ Tis, per far tacere un grido interiore o avere una risposta, andrà incontro alla tempesta peggiore di sempre, nel cuore dell’incontro tra i due mari. Solo lui potrà decidere se far vincere il mare, se vivere o morire, artefice fino all’ultimo del proprio destino. Un romanzo intenso che ci ricorda, in un mondo dominato dall’inganno di poter essere tutti vincitori, il valore e il potere dei vinti.

L'autore

PINO APRILE, giornalista e scrittore, pugliese residente ai Castelli Romani, è stato vicedirettore di Oggi e direttore di Gente. Per la Tv ha lavorato con Sergio Zavoli all'inchiesta a puntate "Viaggio nel Sud" e al settimanale del Tg1, Tv7. È autore di saggi accolti con successo e tradotti in diversi paesi. Terroni, uscito nel 2010 e diventato un vero e proprio caso editoriale, e i successivi Giù al SudMai più terroni, Il Sud puzza, Terroni 'ndernescional e Carnefici hanno fatto di Aprile il giornalista "meridionalista" più seguito in Italia e gli sono valsi molti premi, tra cui il Premio Carlo Levi nel 2010, il Rhegium Julii nello stesso anno e il Premio Caccuri nel 2012.

all Newsletter di Novità Piemme aprile 2019 all Tutte le newsletters