NELLA STESSA NEWSLETTER

Farida

La schiava bambina dell'Isis

  • i
  • 16,50 prezzo di copertina
  • pagine

La trama

Dopo un viaggio di quasi dieci ore, ci fermammo davanti a un edificio basso e lungo. Ci fecero entrare e ci chiusero dentro. C’erano altre ragazze. Una di loro mi disse: «Questa non è una prigione permanente. Continuano a portar via ragazze.» «Chi le porta via? E dove?» «Quelli dell’Isis. Vengono ogni giorno.» «Ci vendono» intervenne un’altra.

Dunque era vero. Quello era il mercato delle schiave di Raqqa…


Farida vive in un villaggio sulle montagne irachene. C’è una bella casa con un giardino ricco di alberi da frutto, ha una famiglia amorevole e a scuola la chiamano la “calcolatrice” perché è brava in matematica. È yazida, non musulmana, ma questo per molto tempo non sembra creare problemi. Il suo mondo crolla in un giorno di agosto, del 2014, quando il villaggio viene attaccato dai guerriglieri dell’Isis. Tutti gli uomini, tra cui il padre e i fratelli di Farida, vengono uccisi e le donne fatte prigioniere e portate via. Per loro inizia un lungo incubo senza fine. I rapitori le considerano come capi di bestiame da vendere al mercato delle schiave. Non c’è limite alle atrocità a cui Farida assiste e alle violenze che le vengono inflitte, tanto da indurla a pensare al suicidio. Ma poi decide di reagire e di combattere. Di non lasciarsi sopraffare, e di rendere la vita difficile ai suoi rapitori. Morde, scalcia, si dibatte, li accusa di andare contro la loro religione, si fa la fama di osso duro. Sempre allerta, mese dopo mese, in attesa del momento giusto per mettersi in salvo. La storia di una ragazza coraggiosa che ha squarciato il velo sulla barbarie, sull’ignoranza e sulla depravazione di cui è fatto l’esercito che minaccia il mondo intero usurpando il nome di una religione.


L'autore

FARIDA, irachena yazida, era ancora una ragazza quando l’Isis ha devastato il suo villaggio e catturato le donne. Lei è rimasta diversi mesi nelle mani dell’Isis, prima di riuscire a fuggire. Oggi vive in Germania. Questa è la sua storia.


Andrea C. Hoffmann, nata nel 1973, è una scrittrice e giornalista tedesca. Ha collaborato con importanti giornali come Zeit, Berliner Zeitung, Focus, e realizzato reportage dai punti più caldi del mondo, come Afghanistan, Iraq, Libano, Siria. La schiava bambina dell’Isis è stato venduto in 15 paesi.

all Newsletter di Novità Piemme Aprile 2016 all Tutte le newsletters